La Fondazione Puglisi Cosentino
Costituita nel 2004 da Alfio Puglisi Cosentino, la Fondazione opera a favore dell'arte antica, moderna e contemporanea, con fini di studio, educazione e diletto.
A tal fine, organizza esposizioni temporanee, incontri, laboratori, convegni, attività didattiche, di studio e di ricerca. Promuove, inoltre, le relazioni tra artisti e pubblico, anche di non addetti ai lavori, contribuendo alla trasformazione virtuosa del proprio territorio e favorendo aperture nei confronti di altre esperienze simili.
La Fondazione occupa la corte interna, il secondo e il terzo piano di Palazzo Valle a Catania, un edificio tra i più rappresentativi del barocco siciliano.
L'accesso alla Fondazione Puglisi Cosentino avviene attraverso il maestoso portone che si apre su via Vittorio Emanuele, nel centro storico di Catania. 
L'atrio accoglie il visitatore con due opere permanenti di Giovanni Anselmo e di Jannis Kounellis, storici esponenti dell'arte povera. La corte interna, destinata alle opere scultoree, ospita un grande pilastro elicoidale in metallo, dello stesso Jannis Kounellis e un'opera di 6 metri di Carla Accardi.
Percorrendo lo scalone di sinistra che conduce al piano nobile, si giunge agli spazi espositivi dove, oltrepassata la biglietteria e il guardaroba, dodici sale si succedono in un percorso a U, caratterizzato nella parte centrale da un loggiato con vista sulla corte interna.
Il terzo piano, oltre che di altre sei sale espositive, dispone di uno spazio per la didattica, di uffici e di un deposito.
Il palazzo è attrezzato di impianti di climatizzazione e illuminazione in linea con gli standard museali e di impianti tecnologici per la sicurezza, come videosorveglianza e sistemi antincendio e anti-intrusione.

Fondazione Puglisi Cosentino per l'arte
Presidente: Alfio Puglisi Cosentino
Soci fondatori: Alfio Puglisi Cosentino, Finsole SpA, Acqua Azzurra SpA
Collegio dei revisori dei conti: Sebastiano Cristaldi, Giuseppe Mirone, Antonio Recca
Segreteria di Presidenza: Magda Coppola
Segreteria organizzativa: Marina Cafà, Gianna Bartolomeo, Nataska Scuto
Ufficio Tecnico: Antonio Moschetto
Didattica: Giamina Croazzo